riferimentonorma.jpg

Con l’Allegato 1 alla delibera n. 50/2013 “Linee guida per l’aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2014-2016” (scaricabile cliccando qui)
ANAC ha voluto fornire alle amministrazioni uno strumento che elenchi gli obblighi di pubblicazione dei dati, delle informazioni e dei documenti previsti dal d.lgs. n. 33/2013 e da ulteriori disposizioni di legge previgenti e successive.

L’allegato si compone di due Fogli, il primo “Elenco degli obblighi” contiene la ricognizione degli obblighi di pubblicazione mentre il secondo “Ambito soggettivo” riporta i diversi ambiti soggettivi di applicazione degli obblighi riassunti nel primo foglio.

In questo breve articolo concentreremo la nostra attenzione sugli obblighi che riguardano l’area “Bandi di gara e contratti” dell’Amministrazione Trasparente il cui ambito soggettivo è definito come “Amministrazioni pubbliche di cui all’art. 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni, enti pubblici nazionali, nonchè società partecipate dalle amministrazioni pubbliche e dalle loro controllate ai sensi dell’art. 2359 del codice civile, limitatamente alla loro attività di pubblico interesse disciplinata dal diritto nazionale o dell’Unione europea. Le autorità indipendenti di garanzia, vigilanza e regolazione provvedono all’attuazione di quanto previsto dalla normativa vigente in materia di trasparenza secondo le disposizioni dei rispettivi ordinamenti.
Per la Presidenza del Consiglio dei Ministri con uno o più D.P.C.M. devono essere determinate le modalità di applicazione del decreto. Le Regioni a Statuto speciale e le Province autonome possono individuare forme e modalità di applicazione del decreto in ragione della peculiarità dei propri ordinamenti
.”

Con il supporto di alcuni responsabili della trasparenza di importanti stazioni appaltanti, abbiamo avuto la possibilità di analizzare al meglio quanto riportato nell’obbligo di pubblicazione delle informazioni sulle singole procedure rilevando che tale obbligo deve essere ottemperato:

  • Annualmente all’interno di Tabelle riassuntive rese liberamente scaricabili in un formato digitale standard aperto con informazioni sui contratti relative all’anno precedente (nello specifico: Codice Identificativo Gara (CIG), struttura proponente, oggetto del bando, procedura di scelta del contraente, procedura di scelta del contraente, elenco degli operatori invitati a presentare offerte/numero di offerenti che hanno partecipato al procedimento, aggiudicatario, importo di aggiudicazione, tempi di completamento dell’opera servizio o fornitura, importo delle somme liquidate)
  • Tempestivamente relativamente alla pubblicazione di:
    • Oggetto del bando
    • Procedura di scelta del contraente
    • Elenco degli operatori invitati a presentare offerte/Numero di offerenti che hanno partecipato al procedimento
    • Aggiudicatario
    • Importo di aggiudicazione
    • Tempi di completamento dell’opera servizio o fornitura
    • Importo delle somme liquidate.

Elemento che accomuna le informazioni da pubblicare Annualmente ma anche Tempestivamente è il formato di pubblicazione, per il quale, l’allegato di cui si sta parlando dice:
da pubblicare secondo le “ Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell’art. 1, comma 32, della Legge n. 190/2012 “, adottate con Comunicato del Presidente dell’AVCP del 22 maggio 2013..

La conclusione a cui siamo arrivati, quindi, è quella secondo cui nella sezione Bandi di gara e contratti dell’area amministrazione trasparente, devono essere pubblicati sia il file XML relativo al rendiconto annuale, che il file XML contenente le informazioni tempestivamente aggiornate delle singole procedure.