Secondo il D.Lgs. 190/2012 sulla Trasparenza, le stazioni appaltanti sono tenute a pubblicare ogni anno all’interno del file XML il dettaglio delle somme liquidate per ciascun affidamento.

Ma cosa si intende per somme liquidate?
Secondo la Deliberazione n.26/2013 , tali somme rappresentano l’importo complessivo dell’appalto al netto dell’IVA, cioè la somma che corrisponde all’importo complessivo che una stazione appaltante liquida nell’arco dell’anno.

Come si calcola l’importo delle somme liquidate?
L’importo in oggetto deve essere inteso e riportato al netto dell’IVA e al lordo delle ritenute operare per legge. Ovviamente può verificarsi il caso in cui un affidamento non si concluda con la chiusura dell’anno solare, in questo caso al termine dell’anno di riferimento dell’XML (si ricorda che ogni anno l’ANAC fornisce le specifiche temporali di riferimento per l’XML da pubblicare, solitamente il periodo di riferimento ha come termine finale il 31 dicembre), la stazione appaltante nel campo delle somme liquidate andrà a specificare l’effettivo e parziale importo liquidato fino ad allora, che verrà poi aggiornato con le comunicazioni degli anni successivi.

La stessa ANAC nella sezione C delle FAQ riporta quanto segue:
” se all’atto di una comunicazione annuale ex L.n.190/2012 l’appalto dovesse risultare ancora in corso di espletamento, l’importo da specificare non potrà che essere commisurato alle somme liquidate sino a quel momento. Tale ultimo dato sarà suscettibile di incremento in occasione delle successive comunicazioni, fino al raggiungimento dell’importo complessivamente liquidato in forza degli atti contrattuali stipulati.”.